Anche Hattrick ha la sua Juve, solo che si chiama Arezzo Galasocaray

By | 20th October 2006

Questo articolo è stato pubblicato inizialmente su Novamag.it il 20 ottobre 2006.


 

Campionato e coppa nazionale nelle ultime due stagioni. Cinque scudetti negli ultimi undici campionati. Sembra la Juventus prima di Calciopoli, e invece è l’Arezzo Galasocaray, squadra leader della lega italiana di Hattrick. E’ una squadra aretina a dominare il torneo nostrano del gioco manageriale via browser più famoso del mondo; anzi, è proprio la città a dominare il gioco, con due squadre su otto della massima serie, come gioielli della regione che compete ai più alti livelli.
L’Arezzo Galasocaray anche in questo campionato si è issato in testa alla classifica, e sabato 14 ha avuto luogo lo scontro diretto coi valdostani di Balla coi Gufi, prima del match secondi in classifica a due lunghezze. Uno scontro tra titani, andando a misurare i valori: i campioni nella precedente partita avevano sfoderato ben 78,5 stelle, mentre gli sfidanti solo 70, e questa differenza si è poi rivelata cruciale; le stelle sono il valore della prestazione di ogni singolo giocatore, e sono moltissime le variabili che la determinano (dalle caratteristiche del giocatore alla forma, dall’avversario alla posizione in campo, dal fatto di giocare in casa o fuori fino ad una percentuale di casualità inserita nel programma). E i campioni in carica hanno demolito gli sfidanti con quattro reti. Le stelle costituiscono il modo per esaminare le prestazioni del giocatore. Chi ha, però, un po’ di esperienza nel mondo di Hattrick, sa che non offrono il metodo più affidabile di valutazione.
Sono in realtà le HatStats a fornire le cifre migliori su cui calibrare le future scelte tecniche, tattiche e di mercato. Si calcolano proprio a partire dalle stelle, ma a influenzare il valore finale sono anche il numero di giocatori per ogni reparto ed alcuni moltiplicatori fissi. Nella serie A italiana, quindi, le HatStats assumono valori sopra i 300 punti; nell’ottava serie del nostro paese si riesce a stare discretamente sopra i 100 punti.
Il sito di Hattrick non fornisce comunque queste HatStats automaticamente. Per Mozilla Firefox, ad esempio, è possibile installare un plug in chimato FoxTrick, che permette di visualizzare le HatStats e una serie di informazioni aggiuntive a quelle fornite automaticamente, e collegamenti a siti esterni, che sono molto importanti: dispongono del certificato CHPP – Certified Hattrick Product Provider, che viene fornito dai gestori del gioco, e possono aiutare i manager a comprendere meglio la situazione del proprio girone, dei propri avversari, del proprio paese eccetera. Ad esempio, leggendo http://www.alltidhattrick.org/ si scopre che che dopo nove giornate il più prolifico giocatore nei campionati italiani è Chu Chien-Hsiung, di Hong Kong, attaccante del Fun Cool (sesta serie, girone 751, 19 gol), mentre una settimana fa la squadra più forte del mondo era il Fuzarca F.C., terza serie brasiliana, seguita da una squadra guatemalteca, una estone e due svizzere (è la vecchia Europa a farla da padrona anche qui, con dodici squadre tra le prime quindici). Nell’undici ideale mondiale, secondo il sito, troverebbero posto quattro spagnoli. E così via, con altre, numerose statistiche.
Altro sito utile, ma italiano, è http://www.htitastats.com/index.php, decisamente migliore nella visualizzazione di analisi sull’andamento su più stagioni, e nel confronto con le avversarie dirette.
Oltre a questi siti, è disponibile sul web anche una hall of fame di Hattrick, ed è possibile organizzare il proprio torneo al posto delle banali amichevoli infrasettimanali. Tutto è, ovviamente, certificato CHPP.
Se invece cercate programmi, sono due i più diffusi: HattrickOk, creato dall’italiano Federico Zanardi, e Hattrick Manager; rendono la vita più facile all’utente, convertendo i valori dei calciatori (scarso, debole, buono, utopico, eccetera) in valori numerici, i quali offfrono una visione d’insieme del proprio team decisamente meno complessa. Software del genere, scaricabili del tutto gratuitamente, possono anche contenere una funzione wizard, che genera in automatico la migliore formazione possibile in una dato modulo. Questo, però, rischierebbe di togliere tutto il divertimento e la passione che Hattrick può generare, anche perché chi si iscrive al gioco non deve mai dimenticare quella dose di casualità che anche qui, su un semplice browser, crea ogni risultato.
Tutti questi dati potrebbero, alla fine della fiera, non servirvi affatto per evitare una bruciante sconfitta in casa dell’ultima in classifica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *