Blogopedia / Rudy Giuliani corre sul blog

Questo articolo è stato pubblicato inizialmente su Novamag.it il 30 marzo 2007.


Rudy Giuliani è stato sindaco di New York per otto anni, ha mostrato enorme carisma in occasione degli attentati alle Torri Gemelle, è andato a vivere con una coppia di amici gay dopo il divorzio da sua moglie, ed è anche uno dei possibili candidati del Gop (Grand Old Party, il partito Repubblicano) alla Casa Bianca nel 2008. In quanto candidato ha i suoi sostenitori. In quanto candidato del 2008, ha sostenitori anche sul web, e, ovviamente, visto che va di moda, sui blog.

Ora, fatta la ricerca su Google, saltano subito all’occhio tre blog pro-Giuliani: il primo è GiulianiBlog, nato già nel maggio del 2006 (quindi, addirittura prima le recenti elezioni di mid term), e sostanzialmente si occupa di pubblicare sondaggi e ricerche demoscopiche, articoli sul candidato, raccontare cosa fa Giuliani, cosa propone Giuliani, cosa si dice di Giuliani.

Sembra essere più interessante, alla vista di un navigatore che si è limitato alla ricerchina veloce veloce su Google, il sito Blogs for Rudy, che sì, ci ripropone le solite cose (sondaggi, articoli, foto) tipiche di un blog – anzi, una raccolta di bloggers – che si occupa di sostenere una candidatura, ma offre anche qualche spunto polemico in più. Troviamo, ad esempio, un attacco frontale ad un altro candidato della destra, l’ex governatore del Massachusetts Mitt Romney. Il sito parte da una storia di finanziamenti – per la verità, di alcune centinaia di euro – che Romney avrebbe dalla fine degli anni 80 e per più di un decennio versato ad alcuni candidati democratici; ricorda che anche Giuliani appoggiò, seppur solo a livello politico, lo sfidante liberal del repubblicano George Pataki per la guida dello stato di New York. Il sito inoltre accusa Romney di avere nel tempo sostenuto battaglie troppo a sinistra (ecco il perché dei finanziamenti), e di avere momentaneamente posizioni conservative solo per accattivarsi l’elettorato repubblicano, mentre le posizioni contro Pataki di Giuliani erano proprio portati avanti con argomenti tipicamente conservatori (ad esempio, il controllo della spesa pubblica). Segue un elenco di posizioni decisamente poco vicine all’animo repubblicano sostenute nel tempo dallo stesso Romney.

Non vanno giù leggero, questi blogger per Giuliani, anche contro candidati (seppur minoritari) del proprio partito.

Abbiamo, infine, l’iniziativa di casa nostra, quella di Italian Bloggers for Giuliani, che ricalca l’esperienza del 2004 di Italian Blogs for Bush. Questi nostri connazionali (alcune decine) spiegano il loro appoggio dall’estero a Giuliani citando un articolo apparso a febbraio sulla National Review (rivista conservatirce americana) in cui si esaltano la capacità di leadership e di visione dell’ex sindaco della Grande Mela, e ricordando che queste elezioni «avranno un impatto decisivo non soltanto al di là dell’Atlantico»; continuano scrivendo: «E’ per questo motivo che un gruppo di blogger di TocqueVille ha deciso di rendere pubblico il proprio endorsement a favore di Rudolph Giuliani. In questo blog racconteremo la lunga campagna elettorale negli Stati Uniti, sostenendo il candidato repubblicano che ci sembra più adatto per riportare il GOP nel solco della rivoluzione reaganiana. Giuliani ha già dato prova delle proprie straordinarie capacità di leadership durante il doppio mandato come sindaco di New York e dopo la tragedia dell’11 settembre. E, last but not least, si è sempre mostrato fiero delle proprie origini italiane».

E dalle pagine di uno dei blog membri, Fenomeni non ce n’è, chiede attenzione: «Giuliani Rudolph, eh, mi raccomando. Carlo non c’entra un caz.zo!!!».

Leave a Reply