News from Ljubljana

By | 30th April 2010

SDC11297 Giusto per informarvi: sono a Lubiana, da lunedì inizio a lavorare qui per un tirocinio (e non vedrò manco una lira, ça va sans dire). Sono stato in Istituto, ho incontrato la direttrice e altro personale e mi sono sembrati tutti molto cordiali e cortesi – e meno male, anche se è una scemità (o forse no) sono molto teso per sta cosa, e nonostante questo mi sono presentato con una barba risalente all’era glaciale. Pazienza.

Ho comprato un libro di grammatica slovena per italiani, chissà che non ne esca qualcosa di buono (oltre all’esperienza); il centro di Lubiana mi piace molto (quella in alto è la foto meno cessa che mi è venuta fuori, ritrae parte del Triplice ponte e, dietro, la chiesa francescana dell’Annunciazione), anche se questa è la seconda sera che sto qui ed è la seconda sera che resto in albergo e non mi sono fatto nemmeno una vaga idea della vita notturna. Tuttavia, pub e locali che vedo nelle vie centrali e sul lungofiume mi fanno sperare bene.

Il lato negativo è l’alloggio: avevo trovato un posto perfetto ieri, con prezzo basso, posizione ottima (pieno centro e due palazzi più in là il luogo di lavoro), potenziale coinquilino all’apparenza tranquillo, casa più che decente. Poi, arrivati in cucina, si è presentato un problema, cioè i gatti. Io sono allergico al pelo dei gatti, e oltre che a questo piccolo problemino di salute mi creano un profondo odio che mi fa pregare ogni giorno per la loro estinzione – quindi niente.

Mi dicono che invece la periferia sia in stile sovietico, e per questo motivo (oltre che per la mancanza di autovettura) sto cercando casa nelle vicinanze. La casa è la mia prima, e forte, preoccupazione, essendo lo sloveno una lingua a me ignota e, pur parlando tutti l’inglese qui (che paese retrogrado che è l’Italia, invece) gli annunci sono scritti nell’idioma locale. E allora via a consultare siti internet, iscriversi a mailing list, chiedere informazioni all’ufficio internazionale dell’associazione studentesca di Lubiana (ma l’addetta al reperimento alloggi oggi non c’era e torna martedì, cribbio). Finora nulla, e ho una valigia che sembra un armadio con le ruote, cosa che mi preoccupa fortemente in vista del trasloco in miniatura da fare di fretta e in ritagli di tempo (lunedì, ad esempio, inizio alle 9).

Il secondo problema che mi turba riguarda la biblioteca dell’IIC: ho notato che c’è taaaaaanta narrativa novecentesca, e voi dovete sapere che in materia non è che sono ignorante, ma – ahem – non è che sia proprio il mio forte, uno perché non amo la narrativa in sé, due perché il mio precipuo campo di interesse è un altro. Si vede che nella presentazione del progetto formativo ho saputo essere convincente, oppure che gli altri candidati erano dei cessi. We’ll see.

Il terzo problema riguarda l’ambiente culturale-diplomatico: ho il terrore di fare figuracce.

Infine, se qualcuno di voi pensando alla Slovenia si è posto domande riguardo una certa cosa, beh, la prima impressione che ho avuto è che ce ne sia veramente tanta. Na svidenje in lahko noč!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *