Vito Crimi sul voto di fiducia a un governo tecnico

By | 6th March 2013

[Questo post è stato inizialmente pubblicato su Mondo Grillino, un blog dalla vita molto breve nato dopo le elezioni politiche del 2013]

Vito Crimi, senatore, il 4 marzo 2013 tiene una conferenza stampa subito dopo la sua elezione a futuro capogruppo al Senato. Il giornalista Andrea Bonini di Sky Tg24 gli pone la seguente domanda:

Quando dite no a un governo espressione dei partiti, nel caso di un esectuvo formato da non poltici, i cosiddetti tecnici, o professori universitari, sareste disposti a votarlo o è un no a qualsiasi forma di governo? Un esecutivo non espressione dei partiti lo votereste?

La risposta di Crimi è la seguente:

Vediamo. Non sta a noi individuare un governo. Nel momento in cui ci verrà proposto un governo, qualunque esso sia, conferermemo la nostra sfiducia o fiducia in funzione di ciò che abbiamo detto: no a un governo dei partiti.

La sbobinatura della conferenza stampa è tratta dal seguente video a partire dal minuto 13:52:

Il giorno successivo, 5 marzo 2013, sul blog di Beppe Grillo appare la seguente dichiarazione scritta firmata Vito Crimi:

Non ho mai parlato di appoggio a governo tecnico, l’unica soluzione che proponiamo è un governo del movimento 5 stelle che attui subito e senza indugio i primi 20 punti del programma e a seguire tutto il resto. Il nostro programma è chiaro ed è stato annunciato in tutte le piazze e in streaming. Le nostre parole di ieri in conferenza stampa sono state chiare e non lasciano dubbi. Abituatevi a chi dice sì per dire sì, no per dire no, senza interpretazioni.

C’è anche chi dice “Vediamo”, però.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *