Do you remember Marco Follini?

By | 30th May 2014

Marco Follini con Pierluigi Castagnetti«Voglio che sia chiaro a tutti: questa è una minaccia»: correva l’anno 2004 quando fu pronunciata la frase che ha probabilmente segnato l’apice della carriera politica di Marco Follini, democristiano a tutto tondo della Seconda repubblica.

La carriera dell’ex segretario dell’Udc è stata, in realtà, povera di cariche di alto prestigio, eppure per un breve periodo la stabilità di governo dell’Italia è passata per le sue dichiarazioni.
Impegnato sin da giovane nell’attività politica (con annesse varie foto d’annata), fu segretario dei giovani DC sul finire degli anni 70, per poi entrare nella direzione del partito e, infine, nel consiglio d’amministrazione Rai, di cui rimase membro fino al 1993. Un normale tragitto da quadro democristiano della prima repubblica, dunque, di giovane dc che cresce e impara l’arte sotto l’ombra dei grandi. Peccato, però, che quel partito e quel sistema furono spazzati via da Tangentopoli e le seconde e le terze linee del fu pentapartito si ritrovarono ad essere, quasi inaspettatamente, un pezzo di classe dirigente. Accadde per Pier Ferdinando Casini, che si ritrovò a essere segretario di un partito, benché piccolo, a sostegno del primo governo berlusconiano e poi del centrodestra della lunga «traversata nel deserto» (continua su Xpolitix).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *