Il ritorno della maggioranza naturale

La presentazione e la visualizzazione di numeri e dati sono un fattore importante nella lettura che si dà dei suddetti numeri e dati che, si presume, siano oggettivi. Prendiamo come esempio i sondaggi elettorali in Italia.

Questi sondaggi, spesso, dividono i partiti in tre o quattro grandi blocchi: l’area del sedicente “governo del cambiamento”, quella di centrosinistra, quella di centrodestra, più talvolta un generico gruppo di piccoli partiti definiti come “altri” (come fa, ad esempio, Agorà su Rai Tre con gli studi di EMG). Un altro modo è quello di raggruppare loghi e percentuali rispetto alla posizione dei partiti – di sostegno o di fiducia – in relazione al governo almeno formalmente guidato da Giuseppe Conte (si vedano, ad esempio, le tabelle di Piazza Pulita su La7 che mostrano i sondaggi effettuati da Index). In maniera un poco più neutrale, visto che i partiti e le liste sono elencati ognuno per conto proprio, vengono presentate da parte del Corriere della Sera le rilevazioni di Nando Pagnoncelli.

Continue reading “Il ritorno della maggioranza naturale”

Politica e linguaggio: per un nuovo discorso di verità in Italia

L’anno solare si conclude con l’approvazione della cosiddetta “Manovra del popolo”, termine propagandistico coi cui il partito di maggioranza relativo, il Movimento Cinque Stelle, chiama la legge di bilancio per l’anno 2019 e per il triennio 2019-2012. Si tratta di un termine, tra l’altro, che si aggiunge a un lessico e una comunicazione che non si possono definire, forse, ideologizzati, ma sicuramente discutibili in relazione a dati di realtà.

Se il termine “Governo del cambiamento” rientra, tutto sommato, in un utilizzo del vocabolario teso a sottolineare aspetti puramenti politici, affermazioni come quella secondo cui l’esecutivo avrebbe “abolito la povertà” fanno, purtroppo, abbastanza ridere. Fa restare più perplessi notare come due dei provvedimenti principali finanziati dalla manovra siano semplicemente etichettati con nomi ingannevoli: il cosiddetto reddito di cittadinanza, infatti, non è altro che un sussidio di disoccupazione condizionato, cioè non è ciò di cui porta il nome, mentre la cosiddetta flat tax, proprio per il suo campo limitato e per il fatto di lasciare in vigore diverse aliquote, è tutto fuorché una “tassa piatta“, e si può tranquillamente ridefinire in linguaggio più asettico come riforma fiscale.

Continue reading “Politica e linguaggio: per un nuovo discorso di verità in Italia”

Alternative al declino?

Negli ultimi giorni ho letto due articoli con conclusioni nettamente diverse riguardanti l’Italia e le prossime elezioni, pur partendo da presupposti, almeno alcuni, non molto discordanti tra loro.

La scorsa settimana mi sono capitate sotto gli occhi le riflessioni di Michele Boldrin, dove la critica è prima di tutto culturale, e solo in seconda istanza politica ed economica: solo la Pianura Padana è rimasta attaccata alle zone più dinamiche e avanzate del mondo, e più per vincoli esterni politico-commerciali che per particolari meriti indigeni. In Italia l’istruzione continua a peggiorare, il «furto intergenerazionale» non è stato ancora fermato, larghissime aree del paese campano sulla generosa redistribuzione effettuata dallo stato centrale, eccetera – il declino avviene da decenni e non è arrestabile a breve.

La causa culturale del declino è una sorta di eccezionalità italiana, che vede l’Italia come paese decisamente peculiare rispetto agli altri, culla della civiltà e sede della cristianità, e siamo così speciali che continuiamo a tenerci Alitalia e non vogliamo vendere Italo, però desideriamo sbarazzarci di cinesi, immigrati, tedeschi/Europa, di tutti quelli che non ci danno il posto che ci meritiamo. Continue reading “Alternative al declino?”

#Elezioni2018 – You need allies, not just votes, to win elections in Italy

The latest electoral contest in Sicily has been widely considered in Italy as a resounding defeat for the Democratic Party, a success for the centre-right forces and, after all, a good result for the anti-establishment Five Star Movement, which, anyway, did not succeed in winning its first regional election. If we look at some numbers and details, however, we might get a more nuanced picture

Sicily has been for almost two decades a centre-right stronghold (at the 2001 general election, 61 constituencies out of 61 were won by the coalition supporting Silvio Berlusconi). Local government is granted a number of special powers. Moreover, a multitude of local lists and regional parties make the political landscape quite fluid and peculiar on the island. In 2012, the surge of Grillo’s party and the internal division of the centre-right (split into two different coalitions, while the Union of the Centre, a Christian-democrat party normally loyal to the centre-right and electorally strong in Sicily, changed side) led to the victory of Rosario Crocetta, the candidate of the Democratic Party-led coalition. which, however, was unable to win a majority of seats at the Sicilian Regional Assembly.

Continue reading “#Elezioni2018 – You need allies, not just votes, to win elections in Italy”

#Elezioni2018 – A potential anti-EU coalition in Italy?

In the current year, many have feared (or hoped for) the rise of anti-EU, anti-establishment or simply radical parties or candidates (which, more than occasionally, turned out to be radical right parties) in countries such as France or the Netherlands. According to some commentators, this would have led, in the long run, to the disgregation of the current ‘liberal’ order, at least in Europe, and to the collapse of the European Union after the Brexit blow in 2016. However, Geert Wilders and Marine Le Pen did not succeed and the European project has not been hit further.

I thought, anyway, that many would have turned closer attention to Italy by now, as it seems the most likely potential target for anti-EU forces, but, apparently, it did not happen – wrongly, in my opinion. There are two factors, indeed, that make Italy a target for anti-EU’s’ appetites. First, after two decisions of the Constitutional Court in 2014 and in 2017, and the referendum held in December, Italy now has a substantially PR voting system both for the lower house and the Senate – remember: both have equal powers. This means that coalitions are almost necessary to rule the country. Second, no natural coalition seems likely to win a majority of seats: both a potential centre-left and a potential centre-right coalition look unable to attract more than 30%-40% of votes, while the Five Star Movement rules out any form of alliance with other parties.

Continue reading “#Elezioni2018 – A potential anti-EU coalition in Italy?”

La parziale illusione dell’ingegneria istituzionale

Le ultime novità che vengono dalla politica italiana riguardano l’accordo raggiunto dalle tre principali forze politiche (Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Forza Italia) rispetto a una nuova legge elettorale ispirata a quella in vigore in Germania ma, in realtà, differente in numerosi e sostanziali dettagli. Le probabilità che questa venga approvata appaiono alte, ma pochi metterebbero la mano sul fuoco, visto che l’intoppo è dietro l’angolo.

La spinta all’accordo da parte dei vertici dei tre partiti (Renzi, Grillo, Berlusconi) sembra svelare un’attitudine secondo la quale gli interventi di carattere costituzionale e istituzionale siano le chiavi attraverso cui si può modellare il sistema politico e non solo politico. Detto in altri modi: questa è stata un’altra legislatura in cui si è dato molto peso alle riforme elettorali e costituzionali, anche giustamente, dove però la spinta verso cambiamenti economici e sociali ha trovato numerosi ostacoli e tentennamenti. Pensiamo, ad esempio, al Jobs Act del governo Renzi, che doveva essere il testo che avrebbe rilanciato il contratto a tempo indeterminato, con lo sfoltimento delle forme contrattuali e il rinnovo delle politiche attive per il lavoro e dei sussidi. Quelle novità positive riguardanti l’occupazione e la stabilizzazione avute nell’ultimo triennio sono state probabilmente causate soprattutto dalla decontribuzione temporanea dei nuovi contratti e dalla congiuntura economica internazionale. L’ennesima riforma del mercato del lavoro ha invece lasciato tanti e tali spazi alle eccezioni rispetto a quello che doveva essere il nuovo modello prevalente di rapporto di lavoro, cioè il contratto unico a tutele crescenti, da aumentare sì la stabilità del posto di lavoro, ma permettendo altresì parecchie zone grigie (vedi gli interventi fatti in materia di contratto a tempo determinato o l’uso come minimo improprio dei voucher, ad esempio), oltre a non intervenire in maniera efficace rispetto all’occupazione giovanile (ancora in forte crisi) e al rilancio delle politiche per l’impiego (non sembra migliorato molto nei centri per l’impiego e misure come Garanzia Giovani non sono sembrate un esempio di efficacia).

Continue reading “La parziale illusione dell’ingegneria istituzionale”

Contro i renziani e contro gli anti-renziani

CostituzioneCi sono due punti di vista che, mi pare, trovino vasto riscontro nella platea di coloro che appoggiano oppure contrastano l’operazione politica che molto probabilmente porterà Matteo Renzi a essere il prossimo capo del governo rispetto alla possibilità di nuove elezioni.

Tra coloro che appoggiano un nuovo governo, l’argomento è quello per cui con nuove elezioni uscirebbe un parlamento sostazialmente “bloccato” come quello attuale e, stante il rifiuto del Movimento 5 Stelle ad effettuare qualsiasi alleanza post-elettorale, la maggioranza conseguente a quelle elezioni sarebbe identica a quella attuale, cioè una maggioranza di centro-destra-sinistra. Questo non è vero. L’attuale maggioranza col Pd è, oltre che con i vari spezzoni della lista montiana, anche con il movimento politico guidato da Angelino Alfano, mentre, una nuova maggioranza sarebbe una maggioranza comprendente Silvio Berlusconi – questo è ovvio a chiunque abbia tenuto nota delle capacità politico-comunicative del Cavaliere nell’ultimo ventennio, dello scarso appeal mediatico del suo ex-delfino, nonché dei sondaggi più o meno recenti che mostrano un’enorme scarto nel consenso elettorale tra Forza Italia ed il Nuovo Centrodestra. Quali sarebbero le differenze? Innanzitutto, Angelino Alfano, almeno al momento, non ha le beghe giudiziarie con cui invece è alle prese Silvio Berlusconi. In secondo luogo, il profilo politico di Ncd è, semplificando, assolutamente di tipo governativo, mentre quello forzista – come ci insegnano le esperienze del governo Monti e, fino a novembre, del governo Letta – di governo e di opposizione. In altri termini, Berlusconi potrebbe schierare contro il governo un fuoco amico che invece Alfano non possiede nè, probabilmente, vorrebbe utilizzare anche se potesse.

Tra coloro che contrastano il nuovo governo c’è la critica, piuttosto ingenua a mio avviso, per cui non sarebbe stata consultata la volontà popolare che, invece, dovrebbe essere quella che nomina i governi (è vero, Renzi aveva detto di voler diventare premier dopo nuove elezioni, ma qui nasce una critica relativa alla sincerità del segretario del Pd e all’opportunità della manovra politica in atto, non di legittimità democratica). Ad aver espresso questa posizione sono il Movimento 5 Stelle, la Lega Nord e Fratelli d’Italia. Ora, che in un sistema parlamentare – cioè in cui la sovranità del popolo non si esprime direttamente ma attraverso la rappresentanza in un’assemblea legislativa periodicamente rinnovata – si bolli come antidemocratica questa manovra è decisamente assurdo. Ricordo la Costituzione (la sottolineatura è mia):

Art. 92

Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

E ancora:

Art. 94

Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.

Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e votata per appello nominale.

Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alle Camere per ottenerne la fiducia.

Il voto contrario di una o di entrambe le Camere su una proposta del Governo non importa obbligo di dimissioni.

La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione.

Chiaro? La nomina del governo non è popolare ma presidenziale, e il rapporto fiduciario è con le due Camere che rappresentano il popolo e non direttamente col popolo stesso. Se non vi piace, può darsi che abbiate ragione a protestare, che voi siate veri democratici mentre gli altri degli infami maneggioni, ma a quel punto avreste in testa un modello di organizzazione politica totalmente diverso, estraneo alla carta costituzionale e alla tradizione democratica di più o meno tutta Europa – non che ci sia qualcosa di male, per carità, ma mi piacerebbe che se lo ricordassero anche quelli che salgono sui tetti a difendere la Costituzione o che la definiscono con pomposa retorica “la più bella del mondo”, insomma quelli della Costituzione a giorni alterni. Infatti il capo del governo è nominato dal capo dallo stato in base alla maggioranza parlamentare (e non popolare) in Francia, nel Regno Unito, in Spagna, in Germania e via discorrendo. Ricorderei che questo è un parlamento eletto un anno fa, non decenni fa. Aggiungerei, inoltre, se mi fate notare la sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato la legge elettorale usata un anno fa incostituzionale, che quella stessa sentenza ha dichiarato questo parlamento legittimo.

Legge elettorale: Silvio 1 – Matteo 0

Silvio BerlusconiMi lancio in una considerazione un po’ politica, che è anche una previsione e quindi corro il rischio che un giorno qualcuno passi di qua e giustamente mi spernacchi. E vabbè.

Di analisi tecniche sul sistema elettorale uscito dalla direzione Pd di oggi ne leggerete tante, molte da studiosi che masticano la materia come fosse pane e salame. Dal mio punto di vista – pur restando in attesa di un testo scritto definitivo messo nero su  bianco – questa legge è per molti versi una schifezza (dalla presenza di un premio di maggioranza assoluta artificiale, un unicum mondiale o quasi, a quella di alleanze prestabilite che nell’UE a 27 hanno solo Svezia e Polonia) che però ha due virtù: in primo luogo, i proponenti si sono proposti un obiettivo nello scriverla, cioè quella di avere una maggioranza certa dopo le elezioni, e una legge elettorale di questo effettivamente tipo la dà. Non dovrebbe riproporre carrozzoni tipo l’Unione per via dell’innalzamento dello sbarramento (alla Camera, passa dal 10% al 12%, per le liste coalizzate passa dal 2% più la migliore esclusa al 5%, per le liste non coalizzate passa dal 4% all’8%) salvo listoni unici con posti garantiti o quasi, come, ad esempio, fecero i radicali candidati col Pd nel 2008 – cosa che i collegi uninominali avrebbero potuto facilitare con collegi sicuri e le preferenze invece disincentivare (l’unico pregio del sistema con le preferenze è questo).

La seconda virtù riguarda (o riguarderebbe) il fatto che la proposta sembra recepire le obiezioni della Corte Costituzionale al porcellum: al di là delle imprecisioni della vulgata sulla bocciatura della legge Calderoli, la Corte aveva eccepito non sulle liste bloccate in sé ma sulla loro lunghezza (e il modello Renzi-Berlusconi infatti propone liste corte in oltre un centinaio di collegi, benché poi la ripartizione totale dei seggi sia comunque nazionale) e non sul premio di maggioranza in sé ma sul fatto che non esistesse una soglia oltre la quale farlo scattare (e l’introduzione della soglia del 35% e dell’eventuale doppio turno sembrano aggirare questo problema).

Venendo ai punti deboli, questa proposta è inserita in un più ampio progetto di sistema che va a toccare sia il Titolo V della Costituzione (cioè il sistema delle autonomie, che per il ragionamento che sto svolgendo c’entra comunque limitatamente o nulla) sia il Senato. Com’è noto, l’articolo 57 della Costituzione oggi impone l’elezione del Senato su base regionale, per cui, a Costituzione vigente, la proposta Renzi-Berlusconi si troverebbe ad affrontare lo stesso problema che presentava il porcellum, cioè la possibilità di creare maggioranze difformi tra Camera e Senato – problema assente nel vecchio sistema proporzionale in vigore fino al 1992 e poi aggirato col sistema dei collegi uninominali usato fino alle elezioni del 2001. Nei piani di Matteo Renzi la legge elettorale (legge ordinaria) dovrà andare di pari passo con l’abolizione del Senato come organo elettivo (legge costituzionale) – simul stabunt, simul cadent – poiché Renzi probabilmente sa benissimo che il sistema applicato al Senato ci darebbe un nuovo porcellum, pur corretto dai difetti di incostituzionalità. Anche qualora la legge di riforma costituzionale non riuscisse a vedere la luce ma poi si volesse andare avanti sul fronte elettorale, il possibile stratagemma dell’introduzione di un eventuale premio di maggioranza nazionale a Palazzo Madama sarebbe fonte di un’altra dubbia costituzionalità (infatti, nel 2005, il presidente della Repubblica Ciampi intervenne presso l’allora maggioranza di centrodestra per spostare i premi a livello regionale proprio in virtù di questa lettura della Costituzione).

Com’è noto, le riforme di tipo costituzionale richiedono tempi più lunghi rispetto a quelle effettuate per mezzo di legge ordinaria, inoltre richiedono numeri diversi. Insomma, per farla breve, per ottenere questo pacchetto di riforme è necessario il consenso di Silvio Berlusconi. Sottolineerei inoltre che l’impianto di coalizione della proposta fa tornare tra le braccia dell’ex premier il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano, e che in fondo a Forza Italia il porcellum, per vari motivi, piaceva assai, e allora uno scenario già si delinea: o il testo elettorale viene approvato prima di quello costituzionale, e allora deve contenere qualche disposizione per il Senato, o vanno di pari passo, o addirittura quella costituzionale è approvata prioritariamente rispetto a quella elettorale.

Nel primo scenario, Forza Italia e un probabilmente addolcito Nuovo Centrodestra avrebbero vita facile ad incassare un simil-porcellum e poi bloccare il resto con qualche pretesto (governo che cade e di corsa al voto). Nel secondo scenario e nel terzo scenario, qualsiasi ghiribizzo potrebbe bloccare la riforma e consegnarci così al voto con questo sistema elettorale ed istituzionale che, salvo stravolgimenti nelle urne (sempre possibili, per carità, soprattutto con un elettorato che sta diventando col tempo sempre più fluido) consegnerebbe il paese alle larghe intese perenni tra un recalcitrante Pd e Silvio Berlusconi.

Ed in ogni scenario di questo tipo ci sarebbe chiaramente un grande perdente nella nostra scena politica: Matteo Renzi.

Endorsement – Io voterei il Partito Democratico

Mi sono fatto un’idea sulle elezioni pur sapendo che non andrò a votare: pur vivendo all’estero da più di due anni, non mi sono mai iscritto all’AIRE, un po’ per pigrizia, un po’ per racconti – raccolti dal vivo e on line – su lunghi mesi di attesa e sull’esclusione dall’assistenza sanitaria in Italia – un po’ perché secondo me quella del voto all’estero è una legge scema (ora, se qualche funzionario si trovasse a leggere queste parole, potrebbe iscrivermi d’ufficio); qualche mese fa avevo organizzato vacanze di Pasqua e ritorno in Italia per il voto a cavallo tra marzo ed aprile, ma poi il governo è caduto in anticipo e quindi amen. Tra l’altro, ho pure abolito le vacanze pasquali in patria. Ma vabbè, facciamo finta che voto.

Per dirla breve, voterei il Partito Democratico. Senza allegria, senza passione, senza convinzione, per carità: io, d’altra parte, non mi definirei di sinistra, centrosinistra, progressista o quello che è. Ho avuto la tessera di FI per tre anni (senza pur mai partecipare attivamente) e da quando voto ho sempre ondeggiato tra FI/PdL e i radicali, sempre meno convintamente nel primo caso, fino a ripromettermi, già un anno dopo le ultime elezioni, di non votare mai più un centrodestra con Berlusconi e il gruppo che lo ha accompagnato nell’ultimo decennio. Vidi con un favore la nascita della fronda finiana, non per particolare affinità ideologica con quel gruppo di parlamentari – alcuni dei quali, tra l’altro, mi sembrano politicamente imbarazzanti – ma per la possibilità di aprire un partito, renderlo vero, democratico, contendibile, permeabile alle influenze esterne e adeguato a gestire, elaborare, discutere le critiche interne come si fa in un partito vero. Com’è finita lo sappiamo tutti, e ora FLI è un micro partitino di stampo social-conservatore rappresentato da dei leader piuttosto parolai, mentre il PdL, dopo quella famosa telefonata in questura e la farsa del Rubygate (nei cui confronti non ho un approccio moralistico, ma mi fa rosicare il fatto che se finisco io in questura non c’è nessun potente ad alzare la cornetta per togliermi dai guai), l’immobilismo al governo (salvo che per certe leggine a uso e consumo di sappiamo chi), gli scandali, la commedia delle primarie (povero Angelino, che figura del cavolo che hai fatto) e la disinibita giravolta nel rapporto col governo dei tecnici, è sempre più una sola cosa: il partito di Berlusconi, punto. A questo punto voi mi direte: e perché’ l’hai votato prima, visto che è sempre, sempre, sempre stato il partito di Berlusconi? Eh, bella domanda. In fondo, ho sempre sperato che l’anomalia si riassorbisse: al di là di una stampa amica capace di sostenere tutto e il contrario di tutto nell’interesse del capo e della presenza di certi tipi che ti raccomando, il PdL – così come FI prima – è stato un partito che comunque i congressi comunali e provinciali li faceva, che includeva correnti politiche differenti che una dialettica interna che non fosse concentrata esclusivamente su cariche e finanziamenti doveva – nelle mie speranze! – prima o poi produrla, che rappresentava più di un terzo dell’elettorato e che quindi non poteva stare tutto sotto un capello solo, quello delle parole, degli interessi, degli errori e delle promesse mancate di Silvio Berlusconi. Ed è l’eterno ritorno – o l’eterna presenza, se volete – di Berlusconi alla guida del movimento, così come dei Verdini, dei Ghedini, dei Gasparri, degli Schifani, dei Romani ecc. (tralascio i Razzi e gli Scilipoti per non farmi venire il sangue allo stomaco) il tappo grosso che blocca il tutto, è stata la loro irremovibilità a essere stata una delle cause del disastro della destra di governo, una destra cialtrona e inefficiente, e lo dico con la rabbia e la delusione di uno che, probabilmente scioccamente, alla possibilità di mettere in atto certe riforme in questo paese per un certo periodo ci ha creduto davvero; di disastro, infatti s’è trattato, poiché puoi cercare tutte le scuse che vuoi, ma, per quanto ragionevoli e veritiere queste siano, ritrovarsi in una precarissima situazione economica e di finanza pubblica dopo otto anni di governo su undici dovrebbero consigliare a chiunque una sola cosa, cioè quella di tornare a casa e di non farsi vedere mai più. O almeno, io mi vergognerei come un cane a uscire di casa dopo un fallimento epocale di questo genere. Puoi anche lamentarti dell’architettura costituzionale di questo paese e sono addirittura disposto a darti ragione su un certo numero di punti, ma, ancora, dopo otto anni su undici al governo se non sei stato capace di giocare con le regole del gioco, è improbabile che siano solo le regole a essere sbagliate, ma è possibilissimo che sia tu a non essere adatto al gioco (nota: questa metafora l’ho copiata, ma non mi ricordo dove l’ho letta).

Riassumendo, sono due le questioni che mi impediranno per sempre di votare il centrodestra così com’è: la totale mancanza di democrazia interna del partito come prima ragione e come concausa della seconda ragione (essendo, tra le altre cose, la democrazia un meccanismo che tendenzialmente e almeno nel lungo termine corregge gli errori o almeno sostituisce chi li combina), cioè il disastro economico a cui ci ha condotto l’esperienza berlusconiana di governo. Forse anche prima, ma sicuramente ora il PdL è invotabile, punkt.

Guardandomi intorno, tra l’altro, ne vedo pochi di partiti che rispettino il requisito di democrazia interna, che non è altro che, in altri termini, essere un partito decentemente normale come accade nel resto d’Europa: quello a cui potrei essere più affine, il partito radicale, è nelle mani di Pannella, mentre l’esperienza di Monti è una lista estemporanea colma di conflitti d’interessi e che è guidata da un nome di prestigio internazionale che usa come stampelle Casini e Fini – anche loro leader indiscussi di partiti privi di democrazia interna. Non è solo un problema dei movimenti liberali, conservatori, o genericamente di centrodestra: SEL, ad esempio, non è altro che una costola un pelino riformata della corrente vendoliana già esistente in Rifondazione e che non trovò nulla di meglio da fare, perso il congresso postelettorale, che fare i capricci, andarsene e fondare un altro – l’ennesimo – movimento di sinistra. Il Movimento 5 Stelle, invece, è un marchio di proprietà di un uomo solo che tra l’altro ideologicamente propugna un modello di democrazia diretta, in rete, priva di corpi intermedi e di rappresentanza che, per motivi che non mi metto ora a spiegare in questo già lungo post, non condivido, quindi, per scartarlo, non mi serve nemmeno scendere nel dettaglio delle sue vaghe e/o deliranti e/o irrealizzabili proposte economiche e sociali.

Queste sono considerazioni su cui mi sono fissato da circa un paio di anni, andando a memoria e quindi, anche qui senza entusiasmo e senza impegno e senza gioia nel cuore, a dicembre ho votato alle primarie del PD (tra l’altro all’estero il voto era on line e gratuito, tiè), proprio perché sono un esercizio di democrazia interna di un partito. Ho votato Bersani perché nelle storie della rottamazione non ci credo, perché mi sembra una persona concreta, perché ha fatto parte di un’esperienza di governo che tra tasse e ricchi che devono piangere comunque la barra dell’equilibrio di bilancio e della riduzione del debito pubblico è riuscita sempre a tenerla ferma (e questa è una cosa di cui abbiamo bisogno ora e avremo bisogno in futuro, in questo paese sommerso dal debito pubblico), perché guida un partito europeista e io sono fortemente, quasi ferocemente, ossessivamente, irrazionalmente europeista, perché tra le poche cose liberali fatte in questo paese ci sono le sue liberalizzazioni, che saranno sicuramente incomplete, che hanno toccato solo certi settori e non altri, tutte le critiche che volete, ma sono stati provvedimenti che hanno aperto il mercato e toccato rendite di posizione e a cui, se vogliamo farci piacere le etichette, non vedo quale altra attaccare se non quella di “liberale” – e, a me, le cose liberali piacciono.

Come probabilmente saprete, nel registrarsi alle primarie si prende l’impegno a votare il centrosinistra. Per i motivi detti sopra non voterò, però mi ero messo l’anima in pace e avevo deciso che, se fossi tornato in Italia, avrei votato il PD (siccome non torno in Italia, sto stressando da qualche settimana mia nonna per mandarla al seggio a votare PD). E’ chiaro, io non sono di sinistra, ho davvero tante idee diverse che non mi metto ad elencare, le lascio intuire a voi facilmente, però non sarei d’accordo nel dire che è un voto dato turandosi il naso, o al meno peggio: penso realmente che le pratiche di democrazia interna siano un elemento positivo, che danno un motivo in più per votare il PD (prevengo una critica: prima di dirmi che erano primarie di apparato e bla bla bla, andate a vedervi quali e quanti sono i tipi di primarie negli Stati Uniti, dove non è mai esistita una cosa come il PCI, poi ne riparliamo).

Infine, è chiaro, c’è l’economia. Per quel che riguarda il PD, penso che il centrosinistra, per quanto abbia lasciato nella sua prima esperienza di governo un paese che, pur con le finanze a posto, cresceva la metà degli altri grandi paesi europei, può essere colpevolizzato solo pro quota: dal 2001 ha governato solo 20 mesi praticamente senza maggioranza, e, vi dico una novità, senza maggioranza non si governa. Colpa o giustificazione? Dal punto di vista della capacità di raccogliere il consenso, la prima, dal punto di vista della pratica di governo, la seconda. Più in generale, l’Italia non sta messa bene e penserete che finora abbia parlato del sesso degli angeli (può darsi che abbiate ragione, ma apertura degli oligopoli e dei monopoli e controllo delle finanze pubbliche a me sembrano cose concretissime e serissime), però, stando al tema, devo ammettere che i candidati con cui sento maggiore vicinanza sono quelli di Fare per Fermare il Declino. Tralascio il recente caso del master di Giannino, soprattutto perché i dubbi sul mio ipotetico voto li ho risolti prima. FID è un partito che mi avrebbe tentato fortemente se fossi andato al voto. D’altra parte, però, c’è che quel voto alle primarie è un po’ come una parola data, dal mio punto di vista. Formalmente non è affatto così, però, provenendo da un’altra cultura politica, aver accettato quella carta d’intenti è come aver fatto una promessa: ok, facciamo a fidarci, io scelgo i vostri candidati, in cambio prometto di votarvi alle prossime elezioni. Non è forse il rispetto della parola data una delle cose che solitamente chiediamo ai politici? Beh, non vedo perché, restando alla politica, questa cosa non debba valere anche per me, elettore, che decido di partecipare attivamente alla scelta di una candidatura alla guida della coalizione. Almeno così io ho vissuto questa cosa, forse non abbastanza laicamente, lo ammetto. In secondo luogo, non credo alle rivoluzioni. Tralasciamo quelle guerreggiate che, a memoria, hanno avuto successo una sola volta negli ultimi secoli, cioè in America. Rimaniamo a quelle pacifiche, e pensate alla delusione della rivoluzione liberale. Le cose cambiano, possono anche cambiare molto, ma molto difficilmente cambiano rapidamente, ancor più difficilmente lo fanno in maniera efficace e indolore allo stesso tempo. Pensate alla rupture di Sarkozy che in tempo cinque anni ha portato al secondo presidente socialista nella storia della Quinta Repubblica francese. Pensiamo, invece, alla capacità di riformare, di parlare al paese che ha avuto un De Gasperi, ad esempio. Di come la destra nella Svezia del welfare state sia stata capace di salire al potere senza minacciare smantellamenti ma portando comunque avanti il proprio punto di vista. Pensiamo alla CDU della Merkel dopo anni di socialdemocrazia. Nessuno ha proposto cambiamenti radicali sventolando bandieroni e minacciando di rivoltare tutto come un calzino, eppure tutti sono al governo ad attuare, pur con difetti e limiti com’è normale, il proprio programma, la propria visione del mondo. Insomma, alla fine di questo post scritto come un flusso di coscienza con in mezzo una pausa caffè, mi limito a dire che non chiedo rivoluzioni, ne ho abbastanza dopo venti anni. Chiedo normalità, un premier normale alla guida di un partito normale composto di persone normali che portano avanti politiche di cambiamento, condivisibili o no, ma normali e su cui si possa cambiare opinione dopo cinque anni come avviene in molti altri paesi. Paesi normali, appunto.

La democrazia dei partiti senza democrazia

LeadershipNelle ultime settimane – diciamo pure negli ultimi mesi – sono andato pensando a come comportarmi in vista delle prossime elezioni. Tendenzialmente, io sono uno che a votare ci va quasi sempre: diserto strategicamente alcune consultazioni referendarie per motivazioni legate al quorum (e questo ad alcuni di voi sembrerà discutibile, ed in effetti lo è: non sono mica così sicuro di aver fatto la scelta giusta in tali casi), ma cerco sempre di scegliere un candidato, una lista, un partito in ogni occasione. Riepilogando, tutta la mia storia elettorale si riassume in un’oscillazione tra FI/PdL (più spesso) e le varie liste radicali (qualche volta); mi ricordo inoltre di aver votato nel mio paese una lista civica di centrosinistra, con candidato sindaco della Margherita – noto preoccupandomi che ho buona memoria per queste cose.

Senza fare qui, ora e in poche righe la storia del decennio berlusconiano passato, mi sono messo in mente che uno dei tanti motivi del fallimento del centrodestra nella seconda repubblica è stato il suo tratto costitutivamente padronale e lideristico. Per come la vedo io, la libera discussione è un elemento fondamentale per il benessere di qualsiasi società per via di un fatto essenzialmente epistemico prima ancora che morale: per metterla in breve, nessuno può mai dire di avere ragione su tutto, e un qualsiasi luogo di dibattito, un’arena, un colloquio tra conoscenti implica la forte possibilità che qualcuno dica «Guarda che hai torto!», che si presentino disaccordi lievi oppure forti ed evidenti. Ciò non implica che l’altra persona, l’altra fazione, l’altro gruppo abbia oggettivamente torto, bensì implica l’ovvio riconoscimento che la conoscenza umana è fallibile, che nessuno possiede la risposta giusta a prescindere (benché ciò non escluda il fatto che l’abbia dopo attento studio e scrupolosa analisi), che ogni idea, teoria, decisione ha bisogno di essere testata, di un certo grado di corroborazione per poter mostrare un certo livello di ragionevolezza e adesione alla realtà, e che insomma un certo livello di modestia epistemica, conoscitiva e quindi decisionale è in questa ottica doverosa per ogni individuo o per ogni gruppo di individui che si trovi a dover compiere una scelta e a determinare un criterio. Quanto tutto ciò sia in contraddizione con la prassi di un partito politico in cui alla fine della fiera c’è un punto fermo indiscutibile, un leader mai messo in discussione né che è possibile mettere in discussione, è talmente ovvio che credo non ci sia nulla da spiegare. Insomma, si può pure concedere che una singola, eccezionale decisione possa essere frutto dell’intuizione di un genio, ma un’attività di governo lunga un decennio avrebbe avuto bisogno di qualcosa di più di un soggetto politico che ancora oggi, dopo ben due decenni di esistenza, dà la sensazione di essere solamente la filiazione di un Uno da cui tutto emana e a cui tutto torna.

Questo, quindi è stato per me uno dei problemi fondamentali della politica dell’ultimo decennio. Uno dei criteri che mi pongo, quindi, è il seguente: non voterò più un partito che non dia luogo a livelli accettabili di dibattito libero e razionale, non solo sulle idee, sui programmi e sulle decisioni concrete, ma anche sulle persone che ne occupano ruoli di una certa rilevanza. Insomma, potrei votare solo un partito le cui posizioni di vertice siano contendibili da altri militanti, iscritti o dirigenti di livello inferiore attraverso meccanismi decisionali sostanzialmente democratici, equi, noti e prestabiliti.

Ora, l’errore che si potrebbe fare è quello di pensare che solo il PdL soffra di questo problema: in realtà, con una rapida carrellata, potremmo notare che tutti i partiti e i movimenti principali che si presenteranno alle prossime elezioni soffrono di questo deficit democratico interno, a parte un paio. Uno è Rifondazione Comunista, partito agonizzante in termini numerici rispetto ai fasti di cinque o quindici anni fa, ma che comunque mantiene una sua dialettica interna e ha un segretario eletto in un regolare congresso contro una consistente minoranza (che poi il capo di questa minoranza non abbia resistito alla sconfitta e nel giro di pochi mesi si sia fatto un partito tutto suo è un altro paio di maniche). L’altro, decisamente più votabile dal mio personalissimo punto di vista, è il Partito Democratico. La mia scelta, quindi, a questo punto già sembra molto ristretta, quasi determinata.