Il bravo italiano

Filippo Focardi, Il cattivo tedesco e il bravo italiano. La rimozione delle colpe della seconda guerra mondiale, Laterza, Roma-Bari 2013.

Il modo in cui ognuno di noi si descrive informa, tutto sommato, il modo in cui poi si agisce. Lo stesso discorso si può, credo, applicare alla memoria collettiva. Un mio interesse nel capire come noi italiani ci dipingiamo, e perché ci dipingiamo così – un interesse che nasce da quando mi sono trasferito per la prima volta all’estero, ormai nove anni fa, e ho quindi subito il distacco dal mio paese – mi ha portato a leggere con estremo interesse questo libro di Filippo Focardi, professore di Storia Contemporanea presso l’Università di Padova.

Continue reading “Il bravo italiano”

Il neocentralismo di Matteo Renzi

Il Senato della Repubblica francesePrima cosa: benché non sia ancora nota nei dettagli (soprattutto sulle funzioni), la riforma del Senato e del titolo V della Costituzione proposta da Matteo Renzi sembra reggersi su due punti cardine:
– i senatori sono rappresentanti delle autonomie locali e non vengono eletti direttamente dagli elettori;
– le matere a legislazione concorrente sono destinate a sparire o a essere sostanzialmente ridotte.

Seconda cosa: ho letto da qualche parte che il modello di Renzi sarebbe in qualche modo paragonabile al Bundesrat tedesco – e com’è noto, la Germania è un paese federale. Non ricordo dove l’ho letto e se effettivamente l’ho letto, ma googlando mi sono usciti fuori questo articolo della Stampa, questo articolo di Italia Oggi e anche questo articolo del senatore del PD Giorgio Tonini che propongono il paragone. E, a mio avviso, il paragone non sta in piedi.

Andando a vedere le competenze del Bundesrat, infatti, queste riguardano essenzialmente una (lunga) serie di materie di legislazione concorrente (art. 74 della legge fondamentale tedesca) e su cui – a differenza della legislazione di competenza federale – il Bundestag non ha alcuna clausola di supremazia da far valere, salvo i casi di maggiore efficienza nel trattare una materia a livello federale, di interesse nazionale o di tutela di alcuni Lander rispetto ad altri (art. 72). Nel tempo la sfera di intervento federale nella legislazione è certo aumentata in Germania, ma uno spazio di legislazione che richieda un consenso da parte del Bundestag resta. Per fare un esempio, senza il voto favorevole del Bundesrat la federazione non può modificare la quota di risorse trasferite dal centro ai Lander. Per rendere più completo il quadro, sui presupposti del citato art. 72, la federazione ha il diritto di stabilire leggi di carattere generale che stabiliscano il framework legislativo di riferimento (art. 75) su cui i Lander poi agiscono autonomamente a livello amministrativo e regolamentare. Nella proposta renziana, invece, le materie a legislazione concorrente e il conseguente intervento legislativo di un eventuale Senato riformato in senso tedesco tendono ad assottigliarsi e forse anche a scomparire.

Andando, inoltre, a vedere chi siede nel Bundesrat, questo è composto da rappresentanti scelti dai governi regionali. Nella proposta di Matteo Renzi invece (su cui, ad onor del vero, egli stesso ha detto che la discussione è aperta nel partito e nel parlamento e che trattasi di una sua preferenza di carattere personale come base di partenza per la riforma costituzionale), il Senato – inteso come una sorta di Senato delle autonomie – sarebbe composto da 108 sindaci di città capoluogo, 21 presidenti di regione o di provincia autonoma e 21 senatori nominati dal capo dello stato. Sarebbe, insomma, un’assemblea non più rappresentativa delle regioni – a cui il Titolo V della Costituzione attuale garantirebbe poteri esclusivi, oltre che concorrenti – ma di diverse forme di autonomie la cui componente principale risiederebbe nella rappresentanza di città piuttosto che nella rappresentanza regionale – totalmente diverso dal Bundesrat, dove, tra l’altro, i voti delle regioni si contano in blocco e non per testa.

Cercando un possibile paragone in Europa, quello che più si avvicina al modello renziano è, a mio avviso, quello francese: in Francia il Senato è eletto da sindaci e consiglieri municipali, dipartimentali e regionali e i suoi poteri sono inferiori rispetto a quelli dell’Assemblea Nazionale, nel senso che le materie concorrenti non esistono e nel processo legislativo ordinario l’ultima parola ce l’ha l’Assemblea.

Il punto è che le riforme delle istituzioni e delle autonomie locali devono essere affrontate nel loro complesso, bilanciando i vari poteri e soprattutto avendo in mente un modello complessivo che disegni con precisione un meccanismo ben funzionante. Se Renzi ha un qualche modello in testa, a me sembra che sia un modello di tipo centralista, dove, tra lo Stato che riacquisisce poteri in alto e i comuni e le città metropolitane in basso, scompaiono sostanzialmente le province e le regioni vengono depotenziate. Se Renzi invece un modello non ce l’ha, io ritengo che siamo di fronte alla solita riforma a spizzichi e bocconi, che prende un pezzo di qua e un altro di là, non tocca elementi che dovrebbe toccare, in un’opera di ingegneria istituzionale che rischia (ma aspettiamo a vedere il risultato finale prima di esprimere un giudizio così forte) di produrre un inutile guscio vuoto se non addirittura l’ennesimo mostro di Frankenstein.

Una nota sull’appello del Fatto Quotidiano contro il ddl di revisione costituzionale

L'appello del Fatto Quotidiano contro il ddl sulle procedure di revisione costituzionaleIl Fatto Quotidiano e alcuni intellettuali hanno lanciato un appello per fermare il ddl costituzionale che istituisce temporaneamente nuove procedure di approvazione di modifiche della seconda parte della Costituzione.

Mi pare di aver capito che i punti fondamentali dell’appello siano sostanzialmente tre:

– manca un adeguato coinvolgimento dell’opinione pubblica;

– le nuove procedure sarebbero in qualche modo anti-democratiche

– la maggioranza parlamentare dei 2/3 che garantirebbe l’approvazione del ddl costituzionale sarebbe frutto di una legge elettelorale enormemente distorsiva nonché incostituzionale.

Lasciando da parte il tema dell’incostituzionalità, vorrei trattare del terzo punto.

Che il porcellum sia una legge elettorale piena di difetti e che tra questi vi siano gli elementi distorsivi che produce è un dato di fatto. Dato, però, che la maggioranza parlamentare è diversa dalla maggioranza (assoluta alla Camera e relativa al Senato) uscita dalle urne, per giudicare la “democraticità” della maggioranza attuale a livello di riforme costituzionali è a mio avviso bene vedere:

a) quanto sono state normalmente distorsive nella formazione di maggioranze le leggi elettorali nelle ultime consultazioni tenute negli altri grandi paesi europei (Germania, Francia, Regno Unito e Spagna);

b) quanto effettivamente è distorta in Italia la rappresentanza sia un senso assoluto, sia in rapporto alla soglia del 66,7% dei seggi richiesta per l’approvazione del ddl costituzionale in parlamento.

a) Gli effetti distorsivi delle leggi elettorali nelle più recenti consultazioni in Germania, Francia, Regno Unito e Spagna.

In Germania si vota con una legge elettorale proporzionale con sbarramento e un voto di  collegio che, negli effetti pratici, produce un numero variabile di membri del Bundestag.

Germania 2009 Proporzionale Collegi % Seggi
CDU 27,3% 32,0% 31,2%
FDP 14,6% 9,4% 15,0%
CSU 6,5% 7,4% 7,2%
CDU+CSU+FDP 48,4% 48,8% 53,4%

In Germania, a livello di singoli partiti, la distorsione è stata più o meno rilevante a seconda se usiamo, per il confronto, i voti popolari sulle schede della ripartizione proporzionale o su quelle dei singoli collegi. Nel risultato complessivo, la maggioranza che sostiene il governo in Germania ha goduto di una sovrarappresentazione del 4,6-5%.

In Francia alle elezioni per l’Assemblea Nazionale si vota con un sistema uninominale a doppio turno: tutti i candidati che nel singolo collegio superano una certa soglia accedono al secondo turno in cui il primo vince.

Francia 2012 Primo turno Secondo turno % Seggi
PS 29,3% 40,9% 48,5%
PS+alleati 39,9% 49,9% 57,7%

Gli effetti largamente distorsivi di questo sistema elettorale rispetto al voto, più genuino, del primo turno, sono ben noti. Anche a livello di secondo turno, però, troviamo una distorsione che per quel che riguarda il Partito Socialista è del 7,6% e per la coalizione a suo sostengo (che include, tra gli altri, radicali ed ecologisti) del 7,8%.

Nel Regno Unito vige il cosiddetto sistema first-past-the-post: tutto il paese è diviso in collegi, il candidato (collegato a un partito o indipendente) che prende la maggioranza relativa dei voti vince.

UK 2010 Voti popolari % seggi
Conservative Party 36,1% 49,3%
Liberal Democrats 23,0% 9,1%
Coalition 59,1% 58,4%

In questo caso l’effetto distorsivo a livello di coalizione sembra essere pressoché nullo, addirittura leggermente negativo. Una considerazione del genere, però, è parziale se non si tengono in conto i seguenti dati:
– innanzitutto, a livello di partiti l’effetto è enormemente distorsivo com’è sempre stato (+13,2% per i Tory, –13,9% per i liberaldemocratici);
– un governo di coalizione nel Regno Unito è stato finora un caso estremamente raro, basti considerare le tre precedenti tornate elettorale in cui il Labour vinse la maggioranza assoluta dei seggi con il 43,2% (1997), 40,7% (2001) e 35,2% (2005 – in questo caso lo scarto con la percentuale di seggi fu del 20% circa) dei voti. Tra l’altro, con tali maggioranze parlamentari assolutamente non corrispondenti alla maggioranza popolare, il Labour fu comunque totalmente legittimato a portare avanti importanti riforme istituzionali come la devolution e la creazione di assemblee nazionali in Scozia, Galles e Irlanda del Nord;
– infine, nel Regno Unito non esistono né le coalizioni, implicite o esplicite che siano (come in Italia e in Francia) né i cosiddetti patti di desistenza (come in Italia, Francia e Germania).

In Spagna è tutto molto più semplice da considerare, poiché la legge elettorale è un sistema proporzionale che si applica su collegi di grandezza provinciale/regionale.

Spagna 2011 Voti popolari % seggi
PP 44,6% 53,1%
PP+alleati 44,8% 53,4%

Qui si vede chiaramente come la maggioranza che attualmente sostiene il governo Rajoy abbia goduto di un vantaggio dell’8-9% nell’assegnazione dei seggi.

b) La distorsione della rappresentanza parlamentare oggi in Italia rispetto alle elezioni del febbraio 2013

Ora veniamo all’Italia del porcellum. Considero, ovviamente, la coalizione che sostiene il governo Letta che si presentò separatamente alle elezioni dello scorso febbraio.

Italia 2013 Voti popolari % seggi
coalizione governo Letta / Camera 59,0% 71,9%
coalizione governo Letta / Senato 60,4% 73,5%

Per comodità non ho utilizzato i voti della circoscrizione Estero e  per determinare i seggi a disposizione della maggioranza ho considerato i voti ottenuti alla fiducia successiva alla nomina del governo da parte del presidente della Repubblica.  In questo caso notiamo come lo scostamento sia dell’ordine del 12-13%. Effettivamente, è un numero più alto di quello che incontriamo in Spagna, Germania e Francia ma in linea con quello che di solito avviene nel Regno Unito, quindi è ragionevole dire che questa maggioranza è grosso modo sovrarappresentata a confronto con molti (ma non tutti) grandi paesi europei. In particolare, è il Partito Democratico ad essere sovrarappresentato. Detto ciò, nel contesto del nostro discorso quel che è rilevante non è il concetto di maggioranza tout court e quello di rappresentanza rispetto al voto popolare, bensì quello di maggioranza qualificata dell 66,67% necessario per modificare la Costituzione o, nella fattispecie, approvare il ddl riguardante le procedure straordinarie di revisione costituzionale.

Il punto è che lo scarto tra l’effettiva rappresentanza popolare e la soglia di maggioranza qualificata è perfettamente in linea con gli scarti prodotti da tutti i sistemi elettorali nei casi presi in esame. La grave distorsione – come si dice nell’appello del Fatto Quotidiano – nella rappresentanza popolare sì, forse esiste (pur assolutamente in linea con i numeri tradizionali di un paese dalla solida storia di democrazia rappresentativa come il Regno Unito), ma invece diventa una distorsione assolutamente ragionevole e ordinaria (infatti tutti i sistemi elettorali contengono elementi distorsivi, altrimenti non potrebbe affatto essere) nella considerazione della soglia del 66,67% necessaria alle modifiche costituzionali – cioè del 6,5-7%.

Conclusioni

Sappiamo che i risultati elettorali dipendono, oltre che dai voti e dalle leggi elettorali, dal modo in cui avviene l’offerta elettorale, cioé dal numero di partiti presenti, dall’esistenza o meno di coalizioni esplicite o implicite e così via; è però ragionevole pensare che un voto popolare di circa il 60% possa in gran parte dei casi garantire una maggioranza di due terzi in tutti i grandi paesi europei. Per questo motivo uno dei tre motivi di preoccupazione democratica dell’appello mi pare largamente infondato, a meno che qualcuno non voglia assurdamente arrivare a sostenere che tutti i metodi di ripartizione dei seggi in vigore nei grandi paesi europei siano fondamentalmente antidemocratici.

“Live together, die alone”: contro il concetto di sovranità nazionale in Europa (1)

George Washington si rivolge ai membri della Convenzione di Filadelfia nel 1787Nel tardo pomeriggio di domenica mi sono messo al computer, mi sono messo a sbirciare un po’ di siti di informazione e poi Twitter: beh, i primi, sia inglesi che italiani, dedicavano ampio spazio alle elezioni in Francia e in Grecia, e un discreto spazio a quelle amministrative in Germania e (ancora in corso) in Italia; sul secondo, gran parte degli utenti che seguo (di lingua italiana, francese e inglese) si occupava di tutti e quattro questi paesi. Mi rendo conto che queste valutazioni riguardano persone che per mestiere o passione si interessano di politica (sono sicuro che c’è un intero mondo là fuori, probabilmente maggioritario, che di queste cose se n’è fregato altamente), però mi rendo conto anche di un’altra cosa: per le elezioni extra-UE (Stati Uniti a parte, magari) non c’è mai stato questo seguito, perché oggi più che mai le decisioni degli elettori greci, francesi ecc. e dei loro governi influenzano la vita di chi greco o francese o altro non é. Che le elezioni in quattro paesi diversi interessino tutti noi coinvolti nella crisi dell’euro – italiani o tedeschi o greci o spagnoli o irlandesi o sloveni o austriaci o chi altro – sono quindi, a mio avviso, un sintomo e un simbolo del fatto che senza un’unione politica europea non si va da nessuna parte.

Io ritengo un poco contestabile fatto di metodo, prima ancora che di merito, quello secondo cui un’unione politica avrebbe immediatamente sterilizzato, per sua stessa natura, la crisi del debito greco, evitato il successivo contagio e reso la vita più facile a governanti e a cittadini durante il periodo di risoluzione del problema. Possiamo arrivare alle stesse conclusioni per analogia, senza essere economisti: negli Usa ci sono stati casi di default dei singoli stati nei decenni scorsi, e certo non è stato affatto un evento positivo, ma non c’è mai stato mai il rischio di un patatrac economico, finanziario e sociale a livello continentale.

Tornando al punto: c’è gente che domenica pomeriggio è stata a seguire quattro momenti elettorali diversi che più o meno tutti avranno conseguenze sulla nostra vita, e allo stesso tempo noi europei manchiamo di un momento elettorale comune che dia la sensazione di effettivamente dare un segno agli eventi politici – e quindi alla società e all’economia – di tutti noi. E’ vero, c’è il parlamento europeo che è un organo a suffragio universale eletto dai cittadini di tutti e 27 paesi, ma è un organo i cui effettivi poteri istituzionali sono pochi. La commissione, seppur bisognosa della fiducia del suddetto parlamento e seppur composta da politici, è un organo che ha sì dei poteri, ma spesso funge da apparato tecnico che spesso deve mediare tra i vari governi e le prescrizioni dei trattati e delle leggi europee.

Io penso che sia ora che qualcuno in Europa – un politico di spicco, un capo di governo, qualcuno di ascoltato e di autorevole nelle cancellerie – si alzi in piedi e dica, anche con un po’ di retorica: “Signori, qui o si fa l’Europa o si muore”. Qualcuno che dica chiaramente che ci vuole un’entità politica centrale democraticamente eletta che abbia piena ed indiscutibile sovranità su quei cinque sei elementi che fanno di uno stato un’entità unitaria: difesa, politica estera, commercio interno ed estero, regolazione del sistema giudiziario, tasse e moneta, definizione dei criteri essenziali e uguali per tutti di cittadinanza, tutte quelle cose che insomma hanno le costituzioni. Ci vuole un trattato che preveda un processo democratico di approvazione dei costituenti e della successiva costituzione – una costituzione che non sia un librone, ma un testo snello, di poche decine di articoli, come tutte le costituzioni sono e devono essere per loro generalissima natura.

Io, tra l’altro, non sono un giurista né uno storico delle costituzioni, ma su questo processo un’idea scema ce l’avrei: si fa un trattato tra tutti e 27 paesi europei se possibile, quasi tutti altrimenti, che preveda l’istituzione di un’assemblea costituente eletta, le procedure e i tempi – non più di due anni, diciamo – di approvazione della costituzione da parte dei cittadini dei singoli stati, l’indizione di un referendum sul medesimo trattato e contemporaneamente delle elezioni dei costituenti. Mandano all’assemblea costituente gli stati in cui il referendum vince, gli altri sono fuori dal processo costituente e vanno per la loro strada per sempre (qui c’è una piccola dose di paraculismo: voglio vedere come fanno gli stessi partiti a fare campagna elettorale per mandare i propri candidati all’assemblea e allo stesso tempo cercare di non mandarceli contrastando l’idea di un’assemblea). Le procedure del trattato già approvato dai cittadini devono prevedere chiaramente e con grande pubblicità, tra le altre cose, quanto segue: scritta la costituzione, tutti gli stati che hanno membri nell’assemblea la sottopongono a referendum; se il referendum vince nei 2/3 degli stati e ha la maggioranza assoluta degli elettori europei, la costituzione è approvata in tutti gli stati che hanno preso parte al processo costituente, compresi quelli che nel secondo referendum hanno respinto la costituzione (e qui non mi sto inventando niente, sto usando più o meno i criteri di ratifica della carta americana alla fine del ’700 da parte delle singole ex colonie inglesi).

Non so se così la smetteremmo di scrivere articoli sui greci fannulloni, fare copertine sui tedeschi nazisti, immaginare tecnocrati al soldo della Merkel e creare partiti di veri finlandesi e cose simili. Probabilmente, però, potremmo finalmente iniziare a trovare soluzioni veloci, efficaci, accettate dai cittadini e giuste per tutti.

[1 / continua]

Una nota sulla proposta di riforma costituzionale ABC

L'Assemblea Costituente al lavoro a MontecitorioOggi nella Commissione Affari Costituzionali del Senato è stato approvato il testo base di quella che dovrà essere (se ci saranno tempo e volontà politica) la riforma costituzionale promossa da Alfano, Bersani e Casini.

Tra le varie cose (qui una guida ai contenuti scritta da Stefano Ceccanti) c’è il superamento del bicameralismo perfetto separando le funzioni e le competenze di Camera e Senato: in breve e a parte alcune eccezioni, la prima si occuperà di materie la cui competenza è statale mentre la seconda delle materie di legislazione concorrente ex art. 117 della Costituzione. Il testo però non separa i criteri di rappresentanza del Senato che, con tali funzioni, diventerebbe il punto di raccordo con le autonomie locali. Mi spiego con degli esempi.

Laddove esiste una camera alta di carattere federale i criteri di rappresentanza sono diversi da quelli del semplice suffragio universale, in cui ogni voto è uguale all’altro:
– in Austria e in Germania tutti i membri del Bundesrat sono scelti dai diversi parlamenti regionali;
– in Belgio e in Spagna una parte dei membri del Senato è scelta dalle comunità linguistiche nel primo caso, dalle comunità autonome (le nostre regioni) nel secondo caso;
– negli Stati Uniti, invece, i senatori sono sì eletti dai cittadini, ma ad ogni stato è assegnato lo stesso numero di senatori (due) a prescindere dalla propria popolazione o dalla propria dimensione territoriale.

Come capita, ad esempio, in Germania, un corollario di tale criterio “territoriale” di rappresentanza sarebbe quello di assegnare il potere di fiducia solo alla Camera, poiché il Senato potrebbe avere una maggioranza differente e perché si occuperebbe preminentemente di materie regionali e non nazionali, che sono quelle di cui maggiormente si interessa l’attività di governo.